27/12/2017

Iginio Massari: la mia colazione targata East Lombardy

Il maestro pasticcere bresciano: «Abbiamo prodotti straordinari che spesso sono stati mal comunicati. Ora si svolta, perché sono gli altri a dover copiare i nostri stili alimentari, non viceversa»

«La nostra colazione è rappresentativa dell’Italia ed è salutare. Dovremmo invitare anche gli altri Paesi ad adottarla, invece tendiamo a cambiare piuttosto le abitudini che abbiamo da sempre a favore di stili alimentari importati. Rincorriamo la giusta dieta e poi vogliamo mangiare lardo, prosciutto e uova al tegamino al burro che è una contraddizione per un popolo dinamico come il nostro che al mattino trova appena il tempo per un cappuccino e una brioche». A parlare è il maestro pasticciere Iginio Massari, patron della Pasticceria Veneto a Brescia, che ha aderito al “Progetto Colazione” di East Lombardy, Regione europea della Gastronomia 2017, in partnership con S.Pellegrino.

 

Cosa caratterizza la colazione nel territorio East Lombardy?

«La Lombardia vanta ottimi prodotti del territorio per valorizzare i quali è mancata spesso la giusta comunicazione. Parliamo di qualità, parola che ha l’accento sulla “a”, per dare forza a quello che è realmente perché su questo territorio abbiamo realmente un burro straordinario, uova da allevamenti curati nei dettagli, farine da più frumenti mescolati che fanno emergere l’intelligenza gastronomica, infine latte di alta qualità di cui il 38% viene prodotto in Lombardia».

«La mia proposta per la prima colazione? E’ a base di dolci tipici della tradizione come il bussolà, o bussolano, una ciambella in pasta lievitata molto leggera che è un lascito della conquista veneta, e la Donizetti, una torta simile al bussolà che nell’impasto ha ananas e albicocche»

Qual è la sua proposta per la colazione “East Lombardy”?

«I dolci tipici della tradizione come il bussolà, o bussolano, una ciambella in pasta lievitata molto leggera che è un lascito della conquista veneta, e la Donizetti, una torta simile al bussolà che nell’impasto ha ananas e albicocche».

Lei cosa consuma a colazione?

«Avendo sempre fretta mi limito a una brioche, fatta con burro locale, poco zucchero e tanto miele, e un cappuccino: sono 245 kcal».

Cosa ha portato East Lombardy al territorio?

«Valore. Ha fatto conoscere la Lombardia Orientale, e la conoscenza non è mai abbastanza. Gli eventi organizzati hanno aggiunto valore anche alle imprese. Qualsiasi attività al mondo non potrà mai avere successo se non è ben comunicata, ed East Lombardy ha centrato in pieno l’obiettivo».

Qual è stato il suo contributo?

«Niente di più di quanto faccio sempre: promuovere la massima qualità del prodotto ottenuto curando ogni minimo particolare».

di Mariella Caruso

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner