20/12/2017

Con Nonsolonoi solidarietà e sostenibilità s’imparano nelle mense scolastiche

Scopriamo a Cremona una cooperativa sociale, attiva dal ’95, che mira a promuovere il commercio equo-solidale e la cultura del consumo respon-sabile

Essere solidali, rispettare l’ambiente, costruire un sistema sano dove ogni individuo non sia focalizzato esclusivamente sul proprio interesse. Ecco ciò che ognuno di noi dovrebbe imparare prima di ogni altra cosa, sui banchi di scuola, fin dalla più tenera età. Ma non solo in teoria, anche nella pratica.

Come accade a Cremona, dove, con la cooperativa sociale Nonsolonoi, nelle mense scolastiche sono distribuite banane biologiche, ananas a lotta integrata e altri alimenti equo-solidali. Lo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini di ogni età, mettendo alla portata di tutti gli strumenti che rendono possibile la costruzione di un sistema economico diverso, ottimale per l’uomo e per l’ambiente.

La cooperativa gestisce attualmente tre botteghe del mondo a Cremona, Casalmaggiore (Cr) e Viadana (Mn), e distribuisce alimenti equo-solidali alle mense degli asili nido e delle scuole dell'infanzia del Cremonese. E’ impegnata allo stesso tempo nella formulazione di percorsi educativi

L’alternativa del commercio equo-solidale - Il commercio equo e solidale è un’altra possibilità che va in controtendenza rispetto all’economia internazionale dominata dalla massimizzazione dei profitti, dallo sfruttamento dei lavoratori e dell’ambiente naturale. Un’alternativa etica al divario conclamato tra Paesi del Nord e Paesi del Sud del mondo, che mira a creare una partnership economica basata su dialogo, trasparenza e rispetto.

Il punto di partenza: informare e sensibilizzare - Per arrivare a quest’obiettivo il primo passo è coltivare una nuova cultura. Diffondere cioè conoscenza sui rapporti economici internazionali, sulla sostenibilità ambientale e sociale, portare avanti la solidarietà tra popoli e tradizioni diversi. E allo stesso tempo promuovere, grazie a un’azione attiva sul territorio, nuovi stili di vita e di consumo, improntati al rispetto delle persone e dell’ambiente e alla valorizzazione delle relazioni.

Attraverso cambiamenti concreti e percorsi educativi - Questo è ciò che ha fatto Nonsolonoi, associazione cremonese nata nel ’95, realizzando iniziative di economia solidale.  La cooperativa sociale gestisce attualmente tre botteghe del mondo a Cremona, Casalmaggiore (Cr) e Viadana (Mn), e distribuisce alimenti equo-solidali alle mense degli asili nido e delle scuole dell'infanzia del Cremonese. E’ attiva allo stesso tempo nella formulazione di percorsi educativi, che comprendono incontri di approfondimento, iniziative ed eventi, rivolti alle scuole di ogni ordine, per avvicinare alunni e adulti ai temi del commercio equo-solidale e della giustizia sociale/economica. L’idea di fondo è che la scuola costituisca il luogo privilegiato per la formazione dell’individuo, attraverso cui immaginare nuove realtà possibili.

La scuola, il primo imprinting - La scuola rappresenta infatti, insieme alla famiglia, uno dei primi sistemi sociali di riferimento. L’istituzione attraverso cui conoscere il mondo, strutturare il pensiero, elaborare la propria visione sulla realtà.  E coinvolgere attivamente i giovani è uno step fondamentale per cambiare rotta e migliorarla, anche attraverso piccoli gesti quotidiani, come mangiare.

di Elisa Nata

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017