FESTA DEL TORRONE, CHE SUCCESSO!
La grande kermesse di Cremona

Chiusura spettacolare come sempre per la Festa del Torrone di Cremona, che anche quest’anno ha stupito ed entusiasmato con un finale davvero incredibile. In una piazza Duomo gremita di pubblico i personaggi dell’inferno dantesco hanno preso vita con suoni, luci, fuoco, musica e parole.

Dal palco circolare allestito per l’occasione, sono emersi i Diavoli, Caronte, le anime, Cerbero, Minosse, il conte Ugolino e tutti gli altri personaggi del Sommo Poeta, tra le ovazioni del pubblico.

Un gran finale degno di nota per una festa che come ogni anno ha saputo richiamare a Cremona turisti da tutta Italia per una vera e propria invasione: questa edizione ha polverizzato tutti i precedenti record, portando in città ben 300mila visitatori. Anche le vendite, aumentate del 50% rispetto allo scorso anno, sono state un successo. 420 ingressi al museo civico, 3.500 ingressi a palazzo comunale, oltre 70 bus e un treno speciale arrivato da Verona con a bordo 500 turisti diretti alla festa.
Nei nove giorni non sono mancate le degustazioni di torrone in mille varianti di abbinamento, le costruzioni giganti in torrone Sperlari, l’immancabile rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti e la consegna del tradizionale Torrone d’Oro, il riconoscimento che premia chi rappresenta Cremona e il suo territorio in Italia e nel mondo.
Grande è stato l’impegno di tutto lo staff, degli enti pubblici che hanno sostenuto la kermesse e delle tre principali aziende dolciarie, Sperlari, Rivoltini e Vergani, che hanno organizzato tanti momenti suggestivi. Merito di questo successo, secondo l’assessore Barbara Manfredini, va anche alla città di Cremona. «Una città che ha saputo far fronte a un afflusso così impegnativo di persone, dimostrandosi pronta e accogliente».

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017