COME MANGIAVANO I GONZAGA
Cosa c’è da sapere sul convegno tenutosi a Mantova

La cultura alimentare e il cibo alla mensa dei Gonzaga sono stati la chiave di lettura al convegno “I Gonzaga digitali” per tracciare il quadro economico e sociale della corte mantovana tra il Cinquecento e il Seicento. Tutto è stato possibile per merito dei documenti dell’Archivio Gonzaga conservati al Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te che, anno dopo anno, vengono utilizzati da studiosi ed esperti per decifrare la vita di quel periodo partendo dai resoconti di Corte.

"I Gonzaga Digitali" è il titolo del convegno svoltosi il 17 e 18 novembre e organizzato da Comune di Mantova, Centro Internazionale d’Arte e Cultura di Palazzo Te, Dipartimento di Scienze Storiche e Filologiche della sede di Brescia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Archivio di Stato di Mantova, Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei mantovani, in collaborazione con East Lombardy, Regione europea della Gastronomia 2017 in partnership con S.Pellegrino.

di Mariella Caruso, foto: Centro Internazionale d'Arte e di Cultura di Palazzo Te

La quarta edizione del convegno “I Gonzaga Digitali” ha messo al centro del lavoro degli esperti le abitudini quotidiane legate alla tavola dei duchi di Mantova e dei cortigiani. Il loro stile di vita è raccontato nei documenti custoditi nell’Archivio Gonzaga, una fonte inesauribile d’informazioni ad accesso libero che possono regalare incredibili chicche per chi ha la pazienza di immergersi nel passato.
Il Convegno è stato organizzato da Comune di Mantova, Centro Internazionale d’Arte e Cultura di Palazzo Te, Dipartimento di Scienze Storiche e Filologiche della sede di Brescia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Archivio di Stato di Mantova, Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei mantovani in collaborazione con East Lombardy, Regione europea della Gastronomia 2017 in partnership con S.Pellegrino.
Andrea Canova della sede di Brescia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Daniela Sogliani del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te hanno coordinato i lavori del convegno al quale hanno dato il loro contributo Carlo Togliani indagando su cucine, dispense e cucina del Palazzo; Cecilia Baraldi aprendo lo scrigno dei segreti di pasticceria e confettura; Giuseppe Crimi portando alla luce i principi del tempo della farmacopea e Filippo Ribani curiosando nella cultura alimentare padana tra corte e campagna.
Con loro Alvise Andreose e Annalisa Spinello si sono concentrati sul lessico della gastronomia alla corte dei Gonzaga; Blythe Alice Raviola ha analizzato vini, alimenti e scambi fra Mantova e Monferrato gonzaghesco; Giorgio Dell’Oro il ruolo di Mantova quale crocevia del mercato ittico della pianura padana e Simona Bellesini ha analizzato nuovi documenti dell’Archivio Gonzaga per approfondire la cultura del riso in un’era così diversa dalla nostra.
Dal 1308 al 1707, quando s’iniziò il Governatorato degli Asburgo, Palazzo Ducale è stata la residenza della famiglia Gonzaga. Fu il Duca Guglielmo a metà del 1500 a far unire i vari corpi in un unico edificio che oggi si espande da Piazza Sordello alla riva del Lago Inferiore. Nell’edificio si può ammirare la celeberrima Camera degli Sposi che, collocata nel torrione nord-est del Castello di San Giorgio di Mantova, è stata affrescata dal Mantegna. I Gonzaga erano soliti distinguersi tra le corti dell’epoca anche per il lusso esibito a tavola.
I documenti dai quali i ricercatori hanno attinto i dati per i loro studi sono quelli dell’Archivio Gonzaga. Realizzato nel 2010 dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, in collaborazione con il Comune di Mantova, l’Archivio di Stato di Mantova e la Scuola Normale Superiore di Pisa, l’Archivio non è stato ancora completamente analizzato. Ogni anno, grazie al progetto Gonzaga Digitali, vengono immessi nuovi dati nelle banche dati. Quest’anno è toccato a quelli riguardanti la cultura alimentare a Mantova fra Cinquecento e Seicento. Nei primi tre anni i responsabili si erano concentrati sull’Archivio della corrispondenza Gonzaga tra il 1563 e il 1630, uno sul Teatro e allo Spettacolo della corte Gonzaga (1480-1630) e su una banca dati dei Beni Artistici e Architettonici della famiglia mantovana.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner