Mantova Jazz Festival, la città in musica
La 36esima edizione dal 20 ottobre al 26 novembre

Dal 20 ottobre al 26 novembre la città dei Gonzaga risuonerà di musica jazz, grazie al Mantova Jazz Festival, arrivato alla 36° edizione.

È uno dei festival italiani più longevi e cade in un momento particolare: quest’anno ricorre infatti il centenario del jazz italiano, motivo in più per considerare speciale questa 36° edizione.

Tutte le fotografie sono di Nicola Malaguti, nicolamalaguti-photo.com

Il festival nasce nel 1981 grazie all’ARCI di Gilberto Venturini e al Circolo del Jazz di Mantova, negli anni Cinquanta uno dei più numerosi d’Italia. Edizione dopo edizione il festival ha ampliato il suo budget e le sue ambizioni, grazie anche all’assessore Sergio Codibella, la cui recente scomparsa è stata avvertita come un grande lutto nel mondo del jazz mantovano, e non solo.
Al festival sono presenti grandi nomi del jazz, italiano e internazionale, accanto a sperimentatori di diverse generazioni: uno dei protagonisti più importanti è sempre stato Enrico Rava. E numerosi saranno infatti i workshop con Rava e Franco D’Andrea, sul ricordo di quello che i mantovani chiamano “Il Chiozzini”, ovvero Roberto Chiozzini, scomparso nel 1988, cui è dedicato il nuovo nome al festival: Mantova Jazz Festival Roberto Chiozzini.
Quest’anno c’è un’ulteriore grande novità: la sezione young dedicata al jazz italiano, per festeggiare al meglio l’ideale centenario e per scoprire le novità future di questa corrente musicale. Sul palco solo giovani under 35 anni, con buona percentuale di quote rosa, testimonianza della crescente partecipazione femminile al mondo jazzistico.
I luoghi in cui avverrà il festival sono l’Auditorium Monteverdi, il Creative Lab – Lunetta, il Teatro Ariston, il Teatro Bibbiena, l’Arci Tom e l’Arci Virgilio; tutte le info del festival al sito mantovajazz.it.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017