15/08/2017

Ci si vede al Baretto

A Bergamo, sul colle di San Vigilio che domina la Città Alta, un indirizzo celebre per la posizione scenografica che lo rende meta perfetta soprattutto d’estate, ma anche per l’ottima cucina locale e italiana

Il Baretto, posizionato sul colle di San Vigilio che domina la Città Alta, è uno dei ristoranti più conosciuti e frequentati di Bergamo. Una notorietà dovuta un po’ alla sua posizione scenografica - è all’arrivo della funicolare e con una vista che abbraccia buona parte della città e della pianura - e un po’ al gusto e alla passione del titolare, Beppe Acquaroli, che dal 1990 ha saputo creare un luogo accogliente e dove si sta sempre bene.

Il Baretto così è meta regolare dai locali, certo, ma anche dai turisti, che lo riconoscono come un ristorante del cuore nel quale spesso ritornano, soprattutto per vivere la splendida terrazza esterna e, magari, per salvarsi dalla calura nelle giornate estive. Ha un sapore d’indirizzo fuori porta, ai margini della metropoli e regala la piacevole sensazione di averlo raggiunto dopo una scampagnata, o meglio una passeggiata in collina.

Alcuni capisaldi sono presenti sin dall’apertura del locale, come il celebre Tiramisù, presente sin dall’apertura del locale. Ma si possono gustare anche piatti di buon senso che abbracciano la tradizione orobica: è il caso dei Medaglioni di filetto di vitello con funghi porcini e polenta

Poi, quando si arriva c’è anche la cucina, solida, senza troppi fronzoli e a tutto gusto, con alcuni capisaldi che nel tempo sono diventati parte integrante della carta (vedi il celebre Tiramisù, presente sin dall’apertura del locale e che non esce mai dal menu), oltre a una serie di piatti di buon senso che abbracciano la tradizione orobica: è il caso dei Medaglioni di filetto di vitello con funghi porcini e polenta.

Inoltre la proposta s’allarga alla grande tradizione regionale italiana, spesso rappresentata nelle sue ricette più facilmente identificabili. Poco importa che si passi con agilità da una Tartare di tonno rosso ai Ravioli di zucca o alla Pasta al pesto: qui la materia prima gioca sempre la carta della freschezza e dell’immediatezza. E poco importa pure che si tratti di pranzo o cena, l’attenzione per il cliente, il servizio e l’ospitalità sono sempre di ottimo livello.

Infine vale la pena dare un’occhiata alla carta dei vini, equilibrata, con qualche chicca ma sempre corretta e funzionale all’abbinamento con i piatti che escono dalla cucina. 

 

Baretto di San Vigilio
Via Castello 1 – San Vigilio
Bergamo
Tel. 035.253191
www.baretto.it

 

Gualtiero Spotti

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner