09/05/2017

Tutto quello che c’è da sapere sulle nostre paste ripiene

Dal 12 al 14 maggio a Bergamo torna De Casoncello, la kermesse che vuole approfondire la conoscenza di queste specialità diffuse nelle 4 province di East Lombardy

Tre giorni dedicati al gioiello enogastronomico della Lombardia Orientale: a Bergamo il 12, 13 e 14 maggio il casoncello e le paste ripiene di Mantova, Cremona e Brescia saranno al centro della seconda edizione di De Casoncello, un’articolata manifestazione che vuole approfondire la conoscenza delle paste ripiene dei quattro territori.

Si parte venerdì 12 con “Di che pasta siamo fatti. Casoncelli e paste ripiene della Lombardia Orientale”, il convegno che si svolgerà presso il Palazzo della Borsa Merci in Piazza della Libertà a Bergamo (9.30-12.30). Il critico gastronomico Paolo Marchi, l’antropologo e giornalista Marino Niola e la direttrice scientifica del progetto East Lombardy, in partnership con S.Pellegrino, Roberta Garibaldi evidenzieranno diversi aspetti di questo piatto identitario, che è un importante richiamo turistico per i territori. Le paste ripiene di Bergamo, Cremona, Mantova e Brescia verranno raccontate dagli esperti locali di East Lombardy e da chef internazionali quali Giovanni Passerini di Parigi, con degustazione finale di casoncelli offerti dal Pastificio Orobico, a cura dello chef Francesco Gotti, con vini offerti dal Consorzio Tutela Valcalepio (ingresso libero, prenotazione posti a questo link). 

Venerdì il critico gastronomico Paolo Marchi, l’antropologo Marino Niola e la direttrice scientifica di East Lombardy Roberta Garibaldi evidenzieranno diversi aspetti di questi piatti identitari, importanti richiami turistici per i territori

Foto di Marco Mazzoleni

 

La sera, dalle ore 19, nella magnifica cornice di Città Alta addobbata a festa con drappi e stendardi, sfogline, cuochi, ristoratori, musici e figuranti allieteranno la seconda edizione dello “Street Casoncello”, per gustare tutte le tipologie di questi scrigni golosi, di cui ogni famiglia, ogni ristorante, ogni cuoco ha una personale ricetta che, naturalmente, considera la migliore. Da Piazza Mascheroni e da Piazza Mercato delle Scarpe partiranno due percorsi gemelli che, attraverso diverse tappe, racconteranno la storia dei casoncelli.
 Infine, in Piazza Vecchia, attraverso pannelli narranti, verranno svelate le particolarità delle diverse paste ripiene della Lombardia Orientale. Il tutto condito con balli, musiche e per finire con uno spettacolo in costume che riporterà un fatto delittuoso a base di casoncelli realmente accaduto nel 1393. L’ormai famosa sfoglina bergamasca Giusy si esibirà nella chiusura di scarpinòcc, casonsèi e dei “casoncelli storici” sotto i portici del Palazzo della Ragione.

Sabato 13 maggio alle 17 sarà possibile assistere alla “Lezione di casoncelli”, con lo chef Francesco Gotti del direttivo della Nazionale Italiana Cuochi. Trucchi, segreti e tecniche di cottura verranno svelati da chi tutto il giorno ha “le mani in pasta”. Infine, domenica 14 maggio in Piazza Vecchia verrà allestito il Palo della Cuccagna per bambini e adulti con “gustosi” premi e animazione, e alle 17 i campioni in carica “Gli acrobati della cuccagna” parteciperanno alla tappa bergamasca del Campionato Italiano. Al Convegno e durante lo Street Casoncello sarà distribuito il libretto contenente storie e ricette di casoncelli bergamaschi e delle altre paste ripiene della Lombardia Orientale.

L’evento è organizzato da DeCibo e dalla Comunità delle Botteghe Bergamo Alta, con il supporto di Camera di Commercio di Bergamo, Comune di Bergamo, Visit Bergamo e Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus, con il patrocinio di East Lombardy e con il sostegno di Cà del Botto, UBI Banca, Pentole Agnelli e Consorzio Tutela Valcalepio.

di Alda Fantin

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017