14/04/2017

Perché è importante essere Regione Europea della Gastronomia 2017

Roberta Garibaldi, direttrice scientifica di East Lombardy, intervista Diane Dodd, presidente della Igcat, associazione che assegna ogni anno il titolo alle aree candidate

Diane Dodd è presidente della Igcat e direttore esecutivo dell’European Region of Gastronomy Platform and Award. È anche coordinatrice europea per la rete globale Ifacca (International Federation of Arts Councils and Cultural Agencies). Conduce il master in Cultural Institutions and Policies per l'Università Internazionale della Catalogna a Barcellona e il master Events and Destination Management per EuhtsPol. È inoltre valutatrice indipendente per il programma Itinerari Culturali del Consiglio d'Europa ed editrice di una serie di pubblicazioni su Cultural Policy e Cultural Management per la Fondazione Culturale Europea (Ecf). È co-autrice del terzo, quarto, quinto e sesto Report sulla Capitali Europee della Cultura. Ha fornito la sua consulenza per Rodi 2021, Arad 2020, Plovdiv 2019, La Valletta 2018 e Burgos 2016, in preparazione per le loro rispettive candidature a Capitale Europea della Cultura. Diane ha lavorato nel campo della politica e della gestione culturale per oltre vent’anni e ha rapporti con una serie di importanti istituzioni globali ed europee.

«Fondamentale creare un programma di eventi che incoraggino le persone a rivalutare i prodotti locali come punto di forza, sostenendo le produzioni alimentari di nuove start-up, le offerte turistiche e nuovi modelli economici sostenibili»

Potrebbe spiegare qual è la filosofia e la missione delle Regioni della Gastronomia?

Attraverso le Regioni della Gastronomia la piattaforma di Igcat incoraggia il dialogo inter-settoriale al fine di scoprire opportunità di sviluppo per le regioni. Pertanto per unirsi alla Piattaforma è necessario che le regioni sviluppino un gruppo di stakeholder. In Catalogna, ad esempio, hanno aderito più di 800 stakeholder. Il titolo è popolare tra agricoltori, educatori, produttori di generi alimentari, ristoratori, albergatori e cittadini in generale.

 

Perché questi obiettivi sono così importanti in un contesto internazionale?

Igcat incoraggia le regioni della Piattaforma a collaborare, condividere idee e sviluppare nuove iniziative che possano dare visibilità ma anche aumentare la consapevolezza sull’importanza della diversità alimentare. L’European Young Chef Award che è stato celebrato in Catalogna nel 2016 ad esempio, oltre ad aver avuto un grande impatto in termini di visibilità, ha contribuito a lanciare la carriera di giovani chef di talento che ora sono ambasciatori delle loro regioni.

 

Quali sono gli strumenti con cui Erg vuole raggiungere l’obiettivo di rafforzare il ruolo delle comunità locali?

Accrescere l’orgoglio è un importante elemento per incoraggiare nuovi modelli economici, sia nel settore del turismo sostenibile sia nell’innovazione agroalimentare. E poi costruendo un programma di eventi che incoraggino le persone a rivalutare i prodotti locali come punto di forza, sostenendo le produzioni alimentari di nuove start-up, le offerte turistiche e nuovi modelli economici sostenibili.

 

Ci potrebbe dare qualche esempio di progetti di successo?

Essere parte della Piattaforma porta a una discussione più ampia circa l’eredità che lascia l’iniziativa. In Catalogna, ad esempio, questo ha portato a un piano gastronomico a lungo termine che coinvolge una vasta gamma di parti interessate.

 

Che cos’è Igcat?

Igcat è una rete di oltre 50 esperti di diverse discipline e regioni di tutto il mondo che nasce allo scopo di supportare lo sviluppo regionale. La Piattaforma Regione della Gastronomia e il titolo Regione Europea della Gastronomia sono stati concepiti per connettere le regioni. Igcat è registrato come un’associazione no profit in Spagna e ha un piccolo segretariato che aiuta a coordinare la rete di esperti. È anche la sede amministrativa della Piattaforma e del Titolo Regione Europea della Gastronomia.

 

di Roberta Garibaldi

Foto di Giacomo Marchetti

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

I nostri partner