11/03/2017

East Lombardy e Touring Club, insieme per il Bello e il Buono

Il calendario completo degli incontri per scoprire le tante specialità agroalimentari, i metodi di preparazione, i sapori e i segreti dei piatti tipici della Lombardia Orientale

I Consoli del Touring Club di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova, le quattro province di East Lombardy, progetto in partnership con S.Pellegrino, realizzeranno nei prossimi mesi una serie di incontri, riunioni conviviali, visite ed escursioni per scoprire e conoscere le tante specialità agroalimentari, i metodi di preparazione, i sapori e i segreti dei piatti tipici della tradizione culinaria della Lombardia Orientale, senza dimenticare i più consueti appuntamenti con l’arte e il patrimonio storico culturale dei centri visitati. Un viaggio gastronomico dalle Prealpi al Po e dall’Adda al Basso Garda con importanti iniziative tese a promuovere un sistema di produzione alimentare sostenibile e a valorizzare l’offerta enogastronomica locale integrandola nel palinsesto turistico.

Il goloso tour è iniziato il 1° marzo a Cremona, con una serata dedicata ai piatti tipici di Pizzighettone, comune diventato Bandiera Arancione nel 2016, marchio di qualità turistico-ambientale che viene assegnato alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma che sanno anche offrire al turista un’accoglienza di qualità.

Un viaggio gastronomico dalle Prealpi al Po e dall’Adda al Basso Garda con importanti iniziative tese a promuovere un sistema di produzione alimentare sostenibile e a valorizzare l’offerta enogastronomica locale integrandola nel palinsesto turistico

Cotechino nostrano con lenticchie purè e mostarda classica Luccini. Foto da umbreleer.it

 

Ecco tutte le tappe:

Cremona

  • 18 marzo – Soncino | Visita al castelloe presentazione delle radici di Soncino, eccellenza gastronomica locale. Questo ortaggio (noto fin dall’antichità, riprodotto in quadri del Cinquecento e del Seicento conservati nella Pinacoteca del Museo Civico di Cremona, tra cui il famoso Ortolano di Giuseppe Arcinboldo), celebrato da diversi scrittori, è ricco di minerali e di una sostanza particolare, l’inulina, con benefiche proprietà disintossicanti.
  • 6 maggio – Pizzighettone | Visita alle fortificazioni e alle chiese di Gera d’Adda con un momento dedicato alla illustrazione dei piatti tipici del territorio: la trippa di San Bassiano e i fagiolini dell’occhio con le cotenne, distribuiti nelle Casematte durante le festività dei morti per ricordare un’antica tradizione secondo la quale, versati in scodelle fumanti, venivano offerti dagli osti del cremonese ai loro clienti che tornavano infreddoliti dalle visite al cimitero.
  • 17 maggio – Cremona | Tavola conviviale dedicata a Crema e alla sua pasta ripiena: i tortelli cremaschi. Da mangiare asciutti conditi con burro e formaggio, questi tortelli sono tipici della zona che corrisponde alle 54 parrocchie della Diocesi di Crema. Sono preparati con un ripieno in cui il dolce e il salato di amaretti, uva sultanina, cedri canditi, biscotti speziati detti “mostaccini” e marsala si amalgamo con gusto insolito che può ricordare la cucina speziata veneziana e quella araba mediterranea da cui derivano.
  • 24 settembre – La giornata in cascina | Dopo la visita a Castelponzone si raggiunge Cicognolo, da cui parte il sentiero dei castelli, su cui si affacciano le ville ottocentesche costruite a imitazione dei manieri medioevali. A seguire una pausa gastronomica presso l’Osteria de L’Umbreléer i cui titolari, i fratelli Luccini, eccellenti produttori di mostarda, arricchiranno l’incontro illustrandone le tecniche di lavorazione.

Bergamo

  • 23 aprile – Gromo| Suggestivo borgo medievale detto “la piccola Toledo” per le sue antiche fucine di armi bianche apprezzate in tutta Europa.Visita al centro storico, al Museo delle armi bianche e alla Via delle ville stile liberty.Specialità gastronomica: gli scarpinòcc di Parre (casoncelli con ripieno di formaggio).
  • 18 giugno – Cornello dei Tasso in Val Brembana | La giornata inizierà in Alta Val Brembana, con la visita al caseificio “Latteria Sociale” di Branzi, produttore di formaggi tipici della zona.Si scenderà poi a Cornello dei Tasso, piccolo borgo medievale posizionato sull’antica Via Mercatorum, patria della famiglia dell’illustre poeta e alla quale si deve anche la diffusione del sistema postale in Europa.A Zogno, presso la Baita dei saperi e dei sapori, collegata con la latteria di Branzi, si potranno degustare formaggi e salumi, risotto agli asparagi e formài de mut e yogurt di malga con miele.Nel pomeriggio visita al Museo della Valle di Zogno (sezioni archeologica, storica ed etnografica).
  • 10 settembre – Martinengo e Malpaga | Visita ai luoghi legati alla vita diBartolomeo Colleoni.Partenza dal Monastero dell’Incoronata, edificato per volere del condottiero. Nel centro storico di Martinengo si visiteranno la Torre, i portici, il Convento delle Clarisse, la Casa del Capitano e il Vallo Colleonesco.Nel pomeriggio è prevista la visita al Castello di Malpaga, roccaforte del Colleoni.Specialità gastronomica: la patata di Martinengo, che si potrà degustare durante la visita all’azienda produttrice Gatti.

Brescia

  • 7 maggio – Esine | Visita alla Chiesa di San Lorenzodi Berzo e al Museo Etnografico “El Balarol”, unico per un’importante raccolta di corni pastorali. Pranzo alla Trattoria La Cantina di Esine con piatti tipici della Valcamonica: orzotto all'aglio ursino, gnoc de la cua, pasta fresca fatta in casa con ragù d'anatra, controfiletto alla camuna, stinco di maiale arrosto, guancetta brasata con polenta di mais rostrato nero di Esine e dessert della casa. Nel pomeriggio visita alla Chiesa di Santa Maria di Esine, interamente affrescata da Giovan Pietro da Cemmo.

Mantova

  • 30 aprile – Suzzara | Visita allaGalleria del Premio Suzzara,la più importante collezione di opere d’arte moderna in Italia, nata nel 1948 da una fortunata e geniale idea di Dino Villani, che prevedeva di premiare gli autori d’arte con prodotti del lavoro agreste: “un vitello per un quadro non abbassa il quadro ma innalza il vitello”. L’idea nacque presso il Cavallino Bianco, storico ristorante appartenente all'Associazione dei Ristoranti del Buon Ricordo, testimoniata con un dipinto murale della prima giuria del Premio Suzzara a sottolineare lo straordinario successo della manifestazione che per la prima volta metteva insieme il mondo della cultura e il mondo del lavoro. Tappa gastronomica: pranzonella Sala Villani della Scuola Arti e Mestieri F. Bertazzoni di Suzzara a cura degli alunni del settore ristorazione, con piatti tipici del Cavallino Bianco: Salame Mantovano IGP, lambrusco e Parmigiano Reggiano.
  • 28 maggio -  Sabbioneta | La visita prevede un tour inedito tra le bellezze diSabbioneta: spazi segreti, sotterranei storici, chiese normalmente chiuse nella città ideale voluta da Vespasiano Gonzaga, uno dei più eccentrici prìncipi del Rinascimento Italiano, che trasformò Sabbioneta in uno spazio urbano sapientemente organizzato.Buffet presso il Torrazzo Gonzaghesco di Commessaggio: tortelli di zucca, dolce Convivium della pasticceria Athena(la torta targata East Lombardy che rappresenta la Lombardia Orientale), eLambrusco DOC Viadanese-Sabbionetano.
  • 11 giugno - Castellaro Lagusello | Visita al borgo fortificato, all’interno dell’antica cinta murata con salita alla torre di recentemente restaurata e al castello risalente al XIII secolo, acquisito dai Gonzaga nel 1391.Escursione naturalistica guidata alla scoperta del delizioso laghetto morenico nella Riserva Naturale di Castellaro, tutelata dal Parco del Mincio. Tappa gastronomica presso il ristorante “Trattoria La Pesa”: buffet con capunsei, vini DOP Garda Colli Mantovanie Grana Padano.
  • 2 luglio – Felonica | Visita alla Pieve Matildica di S. Maria Assunta, alla Chiesa Evangelica Valdese e al Museo della Seconda Guerra Mondiale con foto, filmati, documenti e cimeli originali relativi al passaggio del fronte e agli attraversamenti del grande fiume Po da parte delle truppe germaniche in ritirata, quando Felonica si trovò in posizione centrale. Degustazione presso lo stand della Pro Loco con ilTirot, schiacciata con cipolla Presidio Slow Food, e Melone Mantovano IGP.
  • 3 settembre – CastelGoffredo | Visita guidata all’assetto urbanisticoa vie ortogonali realizzato nel 1480, alla Chiesa prepositurale di San Erasmo e al suo tesoro, e al giardino di Palazzo Gonzaga Acerbi (1499), oggi privato, con la sua tipica torre rinascimentale. Visita alla manifestazione Libri sotto i portici, il più grande mercato mensile del libro usato d’Italia. Cooking show con buffet di tortello amaro, piatto tipico castellano a base di erbe, prodotto tradizionale lombardo, e torta del buonumore, aromatizzata con erba amara e crema di cioccolato.
  • 24 settembre – Villimpenta | Visita al Castello Scaligero, tra i più belli del mantovano, caratterizzato da un mastio alto 42 metri che si specchia nel Tione e di recente completamente restaurato, alla Villa Zani che risale agli anni 1528-1561 con architetture che si riconducono a Giulio Romano, e alla parrocchiale di San Michele con spettacolari arredi barocchi e sfarzosi parapetti marmorei intarsiati.Buffet allestito all’interno del castello con riso alla pilota di Villimpenta, lambruscoe Grana Padano.

 

Per info e prenotazioni:

http://www.touringclub.it/

prontotouring@touringclub.it

Tel. 840.88.88.02

http://www.facebook.com/tcilombardia

 

Immagine di copertina: Rocca di Soncino

 

Di Alda Fantin

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner