16/02/2017

Pasticceria Betti, una dolce storia di famiglia

Padre, madre e figlio conducono con successo questo indirizzo del mangiarbene a Cremona: li accomuna la grande passione per l'arte dolciaria e il duro lavoro quotidiano. Ma i clienti sono felici

La Pasticceria Betti nasce nel 1991 per mano di Germano e Luca Betti, padre e figlio. Nel 2001 si trasferisce nell’attuale sede, in via Giuseppina a Cremona. Vi lavorano ben nove persone, divise tra laboratorio e banco bar. È una pasticceria classica e, a differenza di altri locali cremonesi di questo tipo, vi si producono anche mignon: bignè, cannoncini e quant’altro. Forte il legame col territorio: insieme a un gruppo di colleghi i Betti qualche anno fa hanno inventato la torta turunina, per festeggiare le prime Feste del Torrone. Adesso sono rimasti solo in tre a produrla tutti gli anni. Contiene la granella di torrone, che viene acquistata da Vergani.

Germano Betti racconta: «Già da ragazzo durante le vacanze estive andavo a fare il garzone di pasticceria. Dopo sono partito per il servizio militare e quando sono tornato quella pasticceria aveva chiuso. Ho quindi trovato un altro lavoro, facevo cavi elettrici: ma dopo un po’ non stavo più tanto bene in quella ditta, l'arte dolciaria rimaneva la mia passione, così colsi al volo l'opportunità offertami da un amico, coinvolto nell'apertura di una pasticceria. Poi si è messo di mezzo il destino: il mio amico ha lasciato e mi sono ritrovato alle prese con il negozio, praticamente senza sapere fare nulla. Allora mi sono messo a studiare: per circa sei mesi ho fatto avanti e indietro da Pavia per imparare le basi di questo mestiere. Nel frattempo continuavo a lavorare: dopo 3 anni ho preso in gestione il negozio».

«Papà è il creativo: quando nasce un dolce nuovo, lo ha ideato lui, poi lo perfezioniamo insieme. A me interessa invece pensare a come ottimizzare la produzione, per risparmiare tempo e tenere alta la qualità». Un modello che funziona

Il figlio Luca racconta di come vorrebbe acquistare macchinari che facciano risparmiare tempo nelle fasi di produzione, dalle lavorazioni all’etichettature, così che nel tempo risparmiato si possa produrre di più e meglio. Racconta: «Papà è il creativo: quando nasce un dolce nuovo, lo ha ideato lui, poi lo perfezioniamo insieme. A me interessa invece pensare a come ottimizzare la produzione». Insomma una coppia affiatata.

C'è anche la mamma coinvolta nell'impresa: sta al bancone e tiene il rapporto con i clienti, mentre i maschi di famiglia sono in laboratorio a creare i dolci, spesso fino alle ore piccole.

Da Betti si può gustare un'ottima la colazione, la merenda, per concludere con l’aperitivo accompagnato dalla pasticceria salata.

Pasticceria Betti

Via Giuseppina 11/D

Cremona

0372.430083

http://www.pasticceriabetti.it/

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner