14/02/2017

Buon compleanno, Slow Food Brescia!

La Chiocciola nella Leonessa d’Italia spegne 30 candeline. Molte le iniziative in questi giorni, sempre all’insegna dei tre principi cardine voluti da Carlin Petrini: buono, pulito e giusto

Un proverbio cinese dice: “Quando fai piani per un anno semina grano, se fai piani per un decennio pianta alberi, se fai piani per la vita forma ed educa le persone”. Sono passati trent’anni da quel 13 febbraio 1987, quando Carlo Petrini andò a Brescia, al ristorante Bit e Bacco di Rezzato, e mise le basi per la nascita dell’Associazione Slow Food Brescia.

Con l’iniziativa “Trent’anni senza andare fuori tempo” l’Associazione vuole ripercorrere i valori veri che hanno accompagnato questo trentennio nel lavoro dei piccoli produttori e dei ristoratori locali e nell’incontro con tante persone che hanno condiviso gli ideali espressi nella triade di Slow Food: buono, pulito e giusto.

Il programma prevede serate conviviali e testimonianze di alcuni protagonisti, la presentazione delle due storiche guide sui vini e le osterie, incontri sul tema cibo e salute e sul progetto “Nutrire Brescia e l’hinterland” e appuntamenti didattici con i bambini della scuola primaria, gli studenti dell’ITAS Pastori, dell’IISS Mantegna e dell’Università, il tutto scandito da qualche momento musicale.

Una serie di iniziative che non vogliono essere un lieto fine ma un nuovo inizio da percorrere insieme, con lo stesso spirito che quella sera di trent’anni fa ha contribuito a far nascere il Movimento per la tutela e il diritto al piacere, per sostenere la gastronomia figlia di un’agricoltura sostenibile, le produzioni locali, l’educazione alla consapevolezza alimentare, e promuovere un rinnovato concetto di qualità, che non è lusso ma cibo buono da mangiare e da pensare.

Non vuole essere un lieto fine ma un nuovo inizio da percorrere con lo stesso spirito che quella sera del 13 febbraio 1987. Per sostenere la gastronomia figlia di un’agricoltura sostenibile, le produzioni locali, l’educazione alla consapevolezza alimentare e promuovere un rinnovato concetto di qualità

Tutto questo oggi vuol dire una realtà presente in 160 Paesi, con la rete di Terra Madre, con oltre 100 mila iscritti, ma, più dei numeri, la cifra del successo di chi diede il via all’avventura di Arcigola e poi di Slow Food lo dà l’essere riusciti a far crescere la consapevolezza che l’attenzione verso i temi dell’ambiente, della biodiversità, della salute, della sovranità alimentare, della lotta alla fame, della tutela dei suoli sia un investimento per il futuro, e non solo sogno o visione.

Buon compleanno Slow Food Brescia!

 

Alcuni degli eventi in programma:

  • Sabato 18 febbraio – Confronto con gli allievi dell’ITAS Pastori su “Applicazione del sistema integrato Q-Cumber per la governance del settore agrifood”, una tesi dell’ex studente del Pastori Alessandro Bono, che ha scelto un’azienda agricola lombarda per analizzare gli impatti ambientali a cui è esposta, utilizzando la piattaforma di innovazione sociale Q-Cumber. 

  • Venerdì 24 febbraio ore 18,00 - Cibo e Salute – “21 Grammi” (cooperativa sociale Big Bang), con Patrizia Ucci fiduciaria della Condotta Oglio Franciacorta Lago d’Iseo e Piero Attilii presidente di “Diabete Brescia”. Si concluderà con un aperitivo a cura di “21 Grammi”.
Necessaria la prenotazione. 

  • Martedì 28 febbraio ore 10,00 – Incontro con gli allievi dell’Istituto Mantegna sulla filiera del pane, un progetto-pilota nell’ambito di Nutrire Brescia e l’hinterland. Arricchiranno l’incontro il vice presidente dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Silvio Barbero e il Consorzio Agroculturale impegnato in progetti sulla filiera corta. L’incontro è aperto a soci Slow Food e terminerà con un buffet a cura di allievi e insegnanti dell’Istituto. Necessaria la prenotazione.
  • Venerdì 3 marzo sarà a Brescia il Presidente nazionale di Slow Food Nino Pascale. Sono programmati incontri con gli studenti dell’Istituto agrario Pastori e dell’Università di Brescia.
Alle ore 20,00 Nino Pascale parteciperà, con soci e amici di Slow Food, alla cena de “La Madia” di Brione. Necessaria la prenotazione.

 

Le prenotazioni si effettuano collegandosi al sito www.slowfoodbrescia.it.

Informazioni a segreteria@slowfoodbrescia.it o al numero +39 348 2920921

 

Di Alda Fantin

Immagine di copertina: Carlo Petrini. Foto di Bruno Cordioli

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017