LE VIDEORICETTE DI EAST LOMBARDY
Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova in 20 piatti

Venti ricette in cui la tradizione incontra la sperimentazione gastronomica, venti chef e venti ristoranti delle quattro province di Mantova, Cremona, Bergamo e Brescia.

Sono le videoricette di East Lombardy, un piccolo assaggio di quello che si può trovare in tavola nella Lombardia Orientale, per scoprire l’arte culinaria prima in video…e poi in tavola!

GUARDA LE VIDEORICETTE

L’appuntamento è ogni martedì e giovedì, per conoscere tutte le preparazioni più gustose dei quattro territori, accompagnate da cuochi di livello che hanno rivisitato le più celebri bontà della tradizione lombarda: da insoliti antipasti, ai grandi primi, carni, formaggi, piatti storici della nostra cultura. Tutto ciò è stato reso possibile dalla collaborazione di East Lombardy con la scuola di cucina Arte del Convivio – Convivium Lab di Milano, dove sono state registrate cinque videoricette per ogni provincia del progetto, con il fine di valorizzare le trattorie della Lombardia Orientale e la loro tipicità in cucina.
Il goloso viaggio itinerante tra la ristorazione lombarda è iniziato il 22 novembre con la prima videoricetta di Franco Malinverno, chef del caffè La Crepa di Isola Dovarese in provincia di Cremona, che ha presentato i Tortelli amari all’erba San Pietro, preparati con un ripieno di erbe spontanee di campo, cipolla, Grana Padano, pane grattugiato e uova.
A seguire la ricetta d’autore dello chef Maurizio Pesenti della trattoria Dentella a Bracca (Bergamo): il Riso Carnaroli al Formai de Mut e tartufo nero di Bracca, un piatto che rappresenta i gusti e i profumi del territorio bergamasco.
E poi lo Stoccafisso con i marroni del castagneto degli chef Emilio e Lorena Zanola della trattoria Castello a Serle (Brescia), un secondo piatto originale che abbina lo stoccafisso “Ragno” ai marroni del castagneto della trattoria Castello. 
La chef Alessandra Viola dell'Hostaria Viola di Castiglione delle Stiviere (Mantova) ha invece proposto la sua versione del Petto di faraona alla Bartolomeo Stefani, un piatto rinascimentale della corte gonzaghesca elaborato appunto dal cuoco Bartolomeo Stefani nella metà del 1600.
Millefoglie di melanzane e Buton de Pajas è la ricetta della tradizione contadina cremonese, rivisitata dallo chef Gianni Fontana della trattoria Il Gabbiano a Corte de' Cortesi con Cignone (Cremona).
Lo chef Mario Cornali del ristorante Collina ad Almenno San Bartolomeo (Bergamo) ha preparato Lago e bosco, un secondo piatto bergamasco con i pesci del lago e i sapori del bosco: salmerino, lucioperca, pesce persico, funghi porcini, finferli, lamponi, mirtilli e ginepro.
Pecora arsa è la pecora gigante bergamasca accompagnata da sapori internazionali che ha proposto lo chef Michele Valotti della trattoria La Madia a Brione (Brescia).
La chef Fabiana Tabai dell'osteria Da Pietro a Castiglione delle Stiviere (Mantova) ha rivisitato il primo piatto della tradizione mantovana a base di erbette e Grana Padano: i malfatti alle erbe di campo.
La zucca e la salsiccia, prodotti tipici del territorio cremonese, sono i protagonisti del piatto dello chef Sergio Carboni della Locanda degli Artisti a Cappella De' Picenardi (Cremona): Risotto mantecato con la zucca e la salsiccia.
Paolo Chiari, chef del ristorante Lalimentari a Bergamo Città Alta, ha presentato un piatto che tutte le famiglie del Bergamasco, da diversi decenni, usano per celebrare il pranzo domenicale: il Coniglio alla bergamasca su polenta bramata.
Un piatto con ingredienti caratteristici del territorio per lo chef Marco Cozza dell'Antica Trattoria alle Rose a Salò (Brescia): Tartare di coregone, capperi, limone e caviale, particolarità della sponda bresciana del Lago di Garda, amalgamato dall’affumicatura degli agrumi per rendere il piatto più piacevole. 
La chef Chiara Rizzi del ristorante Finis Terrae a Mantova ha scelto invece lo Stracotto di lumache al lambrusco, una ricetta non codificata in uso nella tradizione contadina delle zone mantovane di produzione del Lambrusco (Sabbioneta e Viadana). 
Lo chef Stefano Fagioli della trattoria Via Vai a Bolzone di Ripalta Cremasca (Cremona), ha racchiuso tutti i sapori e i profumi del cremonese con il Risotto con battuto di verza e pasta di salame fresco.
L’uovo in tazza con fonduta di taleggio, tartufo nero e fonduta di Grana Padano è l’originale antipasto servito con ingredienti della tradizione bergamasca, proposto dalle chef Simona e Daniela della vineria Cozzi a Bergamo Città Alta.
Lo chef Roberto Naldini e Matteo Stefanelli dell'Osteria Da Bortolino a Viadana (Mantova) ha proposto Il Guancialino di maiale in umido, o “Ganassin”, un piatto della tradizione mantovana fatto con il guanciale del maiale e il vino Lambrusco. 
Sbrisolona con zabaione, la torta di mandorle simbolo della pasticceria mantovana, è stata riproposto anche nella provincia di Cremona, accompagnata dallo zabaione nella ricetta dello chef Ubaldo Bartoletti della Trattoria Dell'Alba a Piadena (Cremona).
La chef Alessia Mazzola dell'Osteria Al Gigianca a Bergamo Città Alta (Bergamo) ha invece preparato i Casoncelli alla Bergamasca, il piatto dell’accoglienza e della gioia dal 1300, consumato nei giorni di festa dalle famiglie bergamasche.
Lo Chef Gabriele Zapparoli del Ristorante Il Tartufo a Revere (Mantova) ha racchiuso tre elementi caratteristici della cucina mantovana nei Bigoli con salsiccia e tartufo cotti nel Lambrusco.
Nei “Malfatti, Burro di malga di Bagolino e Bagoss” la chef Emanuela Rovelli dell'Osteria Dell'Angelo a Gussago (Brescia) ha rivisitato l’antica ricetta dei malfatti usando prodotti tipici della cucina bresciana.
E infine lo chef Sokol Xibri del Ristorante Le antiche Rive a Salò (Brescia), ci ha regalato un’ultima pausa di gusto per promuovere le eccellenze del suo territorio attraverso la realizzazione del Risotto bresciano "dove il lago incontra la terra e il mare", un piatto in cui il luccio e il coregone del lago di Garda incontrano le vongole e le cozze di mare e gli ingredienti della terra.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

I nostri partner