21/11/2016

La televisione cinese “studia” i sapori bresciani

Focus della Chongqing Tv, emittente con 957 mln di spettatori, su manzo all’olio e altre bontà: è trasmesso in questi giorni, per la Settimana della cucina italiana nel mondo

Un focus sulle eccellenze locali di Salò, la visita del centro storico di Brescia per imparare la ricetta del tradizionale manzo all’olio, un giro in barca a Montisola per seguire, poi, la preparazione del pesce essicato e visitare il Museo delle reti senza dimenticare l’assaggio del suddetto manzo all’olio.

È stato questo il programma preparato per la troupe della cinese Chongqing Tv, emittente con 957 milioni di spettatori, da Explora, Regione Lombardia, Consorzio Lago di Garda, Visit Lake Iseo, per raccontare il territorio bresciano, che nel 2015 ha fatto registrare 38.415 presenze dalla Cina. Il tutto nella puntata di “Cuisines – The Italian Gourmet Tour” dedicata alla provincia della Leonessa.

Cuisines – The Italian Gourmet Tour è uno speciale che verrà trasmesso fino al 27 novembre nell’ambito del programma Meishi Feichangdao in concomitanza con la “Settimana della cucina italiana nel mondo”. A finire nella memoria digitale delle telecamere di Chongqing Tv è stato il centro storico di Brescia insieme alla Trattoria Urbana Mangiafuoco di via Calzavellia dove lo chef Savino Poffa prepara piatti tipici della tradizione come le pappardelle del Mostasù delle Cossere, squisito piatto risalente agli anni ’20 proprio del quartiere dove si trova la trattoria: è realizzato con vitello, guanciale, pomodoro fresco e porro. In particolare la trattoria è stato il set per un cooking show per la preparazione del manzo all’olio. Sul Lago d’Iseo, a Sulzano e Montisola, invece, a essere degustate sono state le specialità di pesce del Sebino. Mentre al Lago di Garda la troupe ha visitato la Tassoni di Salò.

Non c’è soltanto la Cina tra gli estimatori dell’enogastronomia bresciana: a interessarsi ai prodotti, ai piatti e alle specialità della Leonessa è stato anche il sito olandese “Ciao tutti”, dedicato al turismo nel Belpaese

Non c’è soltanto la Cina tra gli estimatori dell’enogastronomia bresciana. Oltre alla realizzazione della puntata da parte di Chongqing Tv, a interessarsi ai prodotti, ai piatti e alle specialità della Leonessa è stato anche il sito olandese “Ciao tutti”, dedicato al turismo nel Belpaese. Ha dedicato attenzione al territorio di Brescia con un lungo articolo realizzato nei giorni della Festa dell’Opera organizzata come ogni anno dalla Fondazione del Teatro Grande di Brescia.

A essere raccontati sono stati la Franciacorta, patria delle bollicine, ed alcuni ristoranti e cantine diventati tappe del viaggio enogastromico della giornalista che ha firmato il servizio. Nell’ordine lo stellato Due Colombe dello chef Stefano Cerveni a Borgonato, l’azienda Berlucchi con un’intervista ad Arturo Ziliani, figlio di Franco, enologo che negli anni ‘60 imbottigliò la prima produzione di vino spumante del territorio; l’osteria Al Bianco per l’assaggio del bertagnì (il baccalà fritto per intenderci) innaffiato dal Pirlo, l’aperitivo bresciano così simile allo Spitz veneto; la trattoria Al Fontanone di Brescia per il manzo all’olio, la Dispensa Pani e Vini di Adro e l’enoteca Signorvino di Brescia.

 

Di Mariella Caruso

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017