15/11/2016

Torrone senza se né ma

Dal 19 al 27 novembre Cremona celebra la sua specialità più famosa con una festa: vi raccontiamo tutto quello che sarebbe un peccato perdersi…

Dal 19 al 27 novembre un appuntamento unico nel panorama nazionale: la Festa del Torrone, permetterà di scoprire la magica atmosfera di Cremona, la sua storia e le sue tradizioni attraverso un ricco programma di eventi, spettacoli e degustazioni. Quest’anno saranno tantissime le novità proposte ai visitatori, grazie alla collaborazione con prestigiosi marchi che proporranno le loro squisitezze sia negli spazi espositivi dell’area commerciale che nei percorsi di scoperta sensoriale.

«La Festa del Torrone rappresenta una vetrina economica di prestigio internazionale per le ditte produttrici – ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio Gian Domenico Auricchio – E’ una kermesse in grado di valorizzare il prodotto e di metterne in risalto il legame con il territorio; negli anni ha saputo richiamare una forte attenzione sia da parte del pubblico (oltre 300.000 i visitatori nel 2015) che dei media, portando anche significative ricadute per l’economia locale e ponendosi come importante momento di marketing territoriale. Il successo della manifestazione conferma l’importanza di puntare su un evento che permette di scoprire una città ricca di storia e di cultura attraverso i sapori dei prodotti tipici della sua tradizione e rappresenta uno stimolo a proseguire il lavoro di promozione delle peculiarià e delle eccellenze del territorio, in un’ottica di sviluppo». 

Anche quest’anno non mancheranno inoltre gli itinerari enogastronomici, in particolare attraverso un percorso tra Medioevo e Rinascimento alla scoperta dell’arte cremonese e della cultura culinaria legata non solo al torrone ma anche a tutte le altre specialità del territorio: dal salame, alla mostarda, ai marubini

PH. Studio B12

Assieme agli appuntamenti di spettacolo, arte e incontro, l’evento non deluderà la curiosità di golosi e amanti della buona cucina. Il centro storico si trasformerà in un grande salone del gusto, dal 21 al 25 novembre con Degustatours, un vero e proprio viaggio gastronomico-culturale alla scoperta delle filiere delle eccellenze locali. Sarà possibile degustare le prelibatezze del territorio presso enoteche, negozi di alimentari e pasticcerie. Una grande vetrina per le tipicità cremonesi sia presso il pubblico di estimatori che di turisti, grazie alla disponibilità data dalle attività commerciali: le migliori gourmandises verranno proposte gratuitamente per rendere ancora più dolce e gustoso il tempo che si trascorrerà a Cremona.

Dato il legame che la Festa avrà con la mostra su Janello Torriani in corso al Museo del Violino, sabato 19 novembre una grande infiorata in Piazza Marconi celebrerà il grande maestro orologiaio e il Tempo, tema di questa edizione, con un’immancabile degustazione ad hoc di torrone artigianale spagnolo abbinato a distillati spagnoli. Verranno sottolineate affinità ed eccellenze in un momento di degustazione ma anche di discussione che vedrà protagonista indiscusso il principe della manifestazione, senza trascurare l'omaggio al grande genio del Rinascimento Janello Torriani che da Cremona si trasferì a Toledo.

Si prosegue poi con I Mille gusti del Torrone, in cui il torrone verrà presentato nelle sue svariate declinazioni. Il percorso sarà condotto da esperti del settore che illustreranno le tecniche di lavorazione e le materie prime utilizzate. Ai molteplici gusti proposti saranno abbinati vini passiti e distillati. Torna anche “La strana coppia: Torrone e Birra”, presso la Sala ex Borsino in via Solferino, con un percorso degustativo alla riscoperta delle eccellenze del territorio cremonese. Il torrone artigianale Rivoltini, sarà accompagnato da una birra originale e innovativa dell'azienda Mais Corvino, che il pubblico avrà l'onore di degustare in anteprima.

Per festeggiare i 180 anni di Sperlari, storico main sponsor della manifestazione, dal 19 al 27 novembre la Loggia dei Militi, in Piazza del Comune, si trasformerà in un museo a cielo aperto in cui il visitatore potrà ripercorrere le tappe fondamentali della storica azienda e del suo prodotto principe. Filmati, fotografie, documentari, spot televisivi, prodotti e packaging di una volta... una vera e propria gioia per gli occhi e per l’orgoglio cremonese.

Anche quest’anno non mancheranno inoltre gli itinerari enogastronomici, in particolare attraverso un percorso tra Medioevo e Rinascimento alla scoperta dell’arte cremonese e della cultura culinaria legata non solo al torrone ma anche a tutte le altre specialità del territorio: dal salame, alla mostarda, ai marubini

Da non perdere assolutamente, poi, la degustazione presso la Sala ex Borsino di miele biologico e torrone AD LIBITUM. Materia prima fondamentale per la realizzazione del torrone, il miele diventerà protagonista assoluto del palato con l’assaggio di tre mieli diversi prodotti artigianalmente da Rivoltini per l’Enoteca Cremona: la Robinia, il Millefiori e il Castagno dell’Apicoltura Zipoli, azienda biologica tra le migliori presenti sul territorio nazionale.

Immancabile infine, come ogni anno, il grande spettacolo di chiusura sponsorizzato da Sperlari, domenica 27 novembre a partire dalle 17.15 nella Piazza del Comune: un evento ricco di suggestioni per chiudere i festeggiamenti lasciando nell’animo tutta la dolcezza del miglior dolce cremonese, con la promessa di ritrovarsi nel 2017. 

 

Di Alda Fantin

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017