21/07/2016

“Piatto del mese”: la Tinca ripiena

A luglio la protagonista della rassegna organizzata a Brescia è la specialità del lago d’Iseo, un piatto sostanzioso e profumato di spezie

Un piatto al mese per valorizzare un’eccellenza bresciana. Torna a Brend, nella cornice di Palazzo Martinengo Colleoni, “Il Piatto del mese”, la rassegna organizzata dal Comune di Brescia e da Cast Alimenti per far scoprire ai cittadini della Leonessa - e non solo - i piatti più buoni e genuini della tradizione.

Dopo il successo del primo appuntamento, introdotto dal maestro Iginio Massari e dedicato alla Persicata, una confettura solida tagliata in piccoli parallelepipedi che racchiude il sapore autentico delle pesche, è la volta della Tinca ripiena, con lo chef Marco Martinelli. Il 22 luglio, infatti, si parla e si assaggia questa specialità del lago d’Iseo, un piatto sostanzioso e profumato di spezie, che regala grandi soddisfazioni al palato.

Secondo la ricetta tradizionale, il pesce va inciso sulla schiena e riempito con un composto a base di Grana padano, pane grattato, burro, sale, pepe, prezzemolo, aglio, qualche foglia di alloro, un goccio di olio extravergine d’oliva e un mix di spezie tra cui noce moscata, chiodi di garofano e cannella. La cottura avviene in forno in una particolare teglia di terracotta. Di solito la Tinca ripiena si mangia accompagnata da una generosa fetta di polenta gialla.

La novità è che il “Piatto del mese” è pensato nel segno di Erg-Ea(s)t Lombardy: ogni ricetta bresciana sarà affiancata da possibili accostamenti con i prodotti degli altri tre territori “amici”

La Tinca ripiena e i suoi prodotti “amici”

La novità di quest’anno è che il “Piatto del mese” è stato pensato nel segno di Erg-Ea(s)t Lombardy: il riconoscimento ottenuto dalla Lombardia Orientale (Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova) quale “Regione Europea della Gastronomia 2017” sta portando a interessanti evoluzioni del progetto dedicato alla salvaguardia dei piatti tradizionali. Per questa edizione, infatti, ogni ricetta bresciana sarà affiancata da possibili accostamenti con i prodotti degli altri tre territori “amici”.

La Tinca ripiena, dunque, sarà in buona compagnia perché all’aperitivo verrà dato spazio anche all’olio extravergine del Sebino bresciano, al Franciacorta Docg e al dolce melone mantovano Igp, una delizia che rinfresca i pasti e le merende estive.

Le danze si aprono all’ora dell’aperitivo e l’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti.

L’appuntamento successivo sarà il 30 settembre con gli Strangolapreti, il pregiato formaggio Bagòss, il Lugana Doc e la pera mantovana Igp.

Annalisa Cavaleri

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017