Pasticceria Cavour 1880

Descrizione

La storica pasticceria di via Gombito è un gioiello dell’arte dolce a cura della Famiglia Cerea, dinastia principe dell'alta cucina italiana, che proprio qualche mese fa ha festeggiato i 50 anni e si fregia – con altri sette grandi indirizzi – di tre stelle Michelin, il massimo riconoscimento possibile.

Il caffè-pasticceria Cavour 1880 appartiene ai Cerea dal 1994, ma si trova a Bergamo alta dalla fine dell’Ottocento. I primi proprietari erano piemontesi, dai quali deriva (e si spiega) il nome Cavour. Si tratta di una caffetteria dal sapore viennese, con antichi affreschi e fregi di fine Ottocento. Sul bancone regna la tradizione dei maestri pasticceri del Da Vittorio. Da non perdere è anche il gran buffet domenicale, con una ricca e golosa offerta.

Questo gioiello dell’arte dolce è meta di molti clienti - tra cui numerosi turisti grazie alla vicinanza dell’aeroporto di Bergamo, come racconta Luca Sveltezza, al Caffè Pasticceria Cavour dal 2004 – che sono alla continua ricerca di torte tipiche come la Donizetti o la “Polentina e osei”, ma anche di tutti i pasticcini che la famiglia Cerea produce nel suo laboratorio e che giornalmente arrivano freschi nel bancone di via Gombito. Ogni giorno, infatti, le vetrine della pasticceria si riempiono di brioches, biscotti, pasticcini, torte, mignon e dolci al cucchiaio firmati Da Vittorio. Una delle specialità è la Torta Cavour: meringa friabile alla nocciola, crema leggera al gianduia fondente e pan di spagna morbido al cioccolato. 

Oltre alle classiche torte, la pasticceria offre il croccante di città alta, biscottini e gelatine, torte da cerimonia e dolci vari. All’interno c’è anche una sala da tè, la terza del locale e ultima annessa con la ristrutturazione del ’94, che permette di godere di una colazione mattutina o di una merenda pomeridiana, oltre a un light lunch o a un buon aperitivo.


Continua

La storica pasticceria di via Gombito è un gioiello dell’arte dolce a cura della Famiglia Cerea, dinastia principe dell'alta cucina italiana, che proprio qualche mese fa ha festeggiato i 50 anni e si fregia – con altri sette grandi indirizzi – di tre stelle Michelin, il massimo riconoscimento possibile.

Il caffè-pasticceria Cavour 1880 appartiene ai Cerea dal 1994, ma si trova a Bergamo alta dalla fine dell’Ottocento. I primi proprietari erano piemontesi, dai quali deriva (e si spiega) il nome Cavour. Si tratta di una caffetteria dal sapore viennese, con antichi affreschi e fregi di fine Ottocento. Sul bancone regna la tradizione dei maestri pasticceri del Da Vittorio. Da non perdere è anche il gran buffet domenicale, con una ricca e golosa offerta.

Questo gioiello dell’arte dolce è meta di molti clienti - tra cui numerosi turisti grazie alla vicinanza dell’aeroporto di Bergamo, come racconta Luca Sveltezza, al Caffè Pasticceria Cavour dal 2004 – che sono alla continua ricerca di torte tipiche come la Donizetti o la “Polentina e osei”, ma anche di tutti i pasticcini che la famiglia Cerea produce nel suo laboratorio e che giornalmente arrivano freschi nel bancone di via Gombito. Ogni giorno, infatti, le vetrine della pasticceria si riempiono di brioches, biscotti, pasticcini, torte, mignon e dolci al cucchiaio firmati Da Vittorio. Una delle specialità è la Torta Cavour: meringa friabile alla nocciola, crema leggera al gianduia fondente e pan di spagna morbido al cioccolato. 

Oltre alle classiche torte, la pasticceria offre il croccante di città alta, biscottini e gelatine, torte da cerimonia e dolci vari. All’interno c’è anche una sala da tè, la terza del locale e ultima annessa con la ristrutturazione del ’94, che permette di godere di una colazione mattutina o di una merenda pomeridiana, oltre a un light lunch o a un buon aperitivo.


East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017