Chiesa dei Santi Nazaro e Celso

Descrizione

L'antica chiesa quattrocentesca subì un totale rifacimento alla metà del Settecento, quando furono realizzati numerosi altari tardo barocchi con marmi policromi, stucchi e sculture. L'opera pittorica più importante di quante conservate nella chiesa è il Polittico Averoldi eseguito da Tiziano Vecellio nel 1520-22.
Il pentittico raffigurante Gesù risorto, l’Annunciazione, i santi Nazaro e Celso con il donatore Altobello Averoldi e San Sebastiano, firmato e datato 1522, deve il nome al bresciano Altobello Averoldi, che commissionò il dipinto a Tiziano ed è raffigurato nello scomparto inferiore sinistro, insieme ai S.S.Nazaro e Celso.


Si tratta di uno dei capolavori giovanili del maestro cadorino, che dimostra in questa fase una particolare sensibilità alla cultura centro-italiana e in particolare all'opera di Michelangelo, la cui influenza si avverte nell'accentuazione plastica dell'anatomia, nel registro monumentale delle figure rese con concretezza e naturalezza espressiva, nell’energia e sicurezza dei moti che abbandonano ogni effetto di astratta solennità.
Un sottile continuum reso, per continuità o per contrappunto, da sguardi direzionati, da braccia aperte e da altre posture dei personaggi, crea fra le figure una chiusura circolare degli spazi rappresentati che vince i confini degli scomparti del polittico: questa sottigliezza manieristica si spinge oltre la naturalezza, però non riesce ad escludere l’intonazione realistica dell’insieme, la fisicità dei corpi e delle cose.
È anche l'elaborazione luministica e cromatica della materia che permette di conferire unità ai singoli scomparti del polittico e che fa di Tiziano quell’ “ape cromatica” che impiega le tonalità di colore per creare le forme stesse: un colore che splende in sé, sciolto da ogni implicazione disegnativa, dotato di una forza plastica autonoma, steso per campiture cromatiche e degradazioni tonali tali da avere una plasticità ed un volume autonomi.

Continua

L'antica chiesa quattrocentesca subì un totale rifacimento alla metà del Settecento, quando furono realizzati numerosi altari tardo barocchi con marmi policromi, stucchi e sculture. L'opera pittorica più importante di quante conservate nella chiesa è il Polittico Averoldi eseguito da Tiziano Vecellio nel 1520-22.
Il pentittico raffigurante Gesù risorto, l’Annunciazione, i santi Nazaro e Celso con il donatore Altobello Averoldi e San Sebastiano, firmato e datato 1522, deve il nome al bresciano Altobello Averoldi, che commissionò il dipinto a Tiziano ed è raffigurato nello scomparto inferiore sinistro, insieme ai S.S.Nazaro e Celso.


Si tratta di uno dei capolavori giovanili del maestro cadorino, che dimostra in questa fase una particolare sensibilità alla cultura centro-italiana e in particolare all'opera di Michelangelo, la cui influenza si avverte nell'accentuazione plastica dell'anatomia, nel registro monumentale delle figure rese con concretezza e naturalezza espressiva, nell’energia e sicurezza dei moti che abbandonano ogni effetto di astratta solennità.
Un sottile continuum reso, per continuità o per contrappunto, da sguardi direzionati, da braccia aperte e da altre posture dei personaggi, crea fra le figure una chiusura circolare degli spazi rappresentati che vince i confini degli scomparti del polittico: questa sottigliezza manieristica si spinge oltre la naturalezza, però non riesce ad escludere l’intonazione realistica dell’insieme, la fisicità dei corpi e delle cose.
È anche l'elaborazione luministica e cromatica della materia che permette di conferire unità ai singoli scomparti del polittico e che fa di Tiziano quell’ “ape cromatica” che impiega le tonalità di colore per creare le forme stesse: un colore che splende in sé, sciolto da ogni implicazione disegnativa, dotato di una forza plastica autonoma, steso per campiture cromatiche e degradazioni tonali tali da avere una plasticità ed un volume autonomi.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

Main sponsor

Clicca sui loghi per leggere le news

Partner