Museo della Mille Miglia

Descrizione

Nell’antico complesso monastico di Sant’Eufemia, la famosa corsa automobilistica viene presentata attraverso una ricca collezione di auto d’epoca. La collocazione del Museo in questo sito di grande valenza storica è del tutto differente da tutti gli altri musei di automobili: il Museo Mille Miglia custodisce una storia, narra il racconto di un mito e, giorno dopo giorno, da viva testimonianza di un periodo del nostro passato.
Le auto sfilano nello spazio espositivo avvolte da allestimenti e scenografie che richiamano, agli occhi dello spettatore, i vari periodi ed epoche storiche toccati dalla corsa.


Il Museo non doveva solo essere un archivio, ma doveva ricostruire un evento sportivo culturale e insieme la storia dell’Italia intera. Grazie all’impegno di collezionisti privati e alla collaborazione con altri musei di auto storiche tra cui il Mercedes-Benz Museum con il quale è stato firmato un accordo di collaborazione, il Museo Mille Miglia ha potuto dotarsi di gioielli su quattro ruote da esporre sul percorso museale. Le auto in prestito alla struttura, sfilano nello spazio espositivo avvolte da allestimenti e scenografie che richiamano, agli occhi dello spettatore, i vari periodi ed epoche storiche toccati dalla corsa.
Oltre all’esposizione il museo offre anche altri servizi, tutti gestiti direttamente dall’Associazione, quali l’affitto di sale per meeting e il servizio di ristorazione con la “Taverna Mille Miglia”; molte sono le aziende sia bresciane che provenienti da tutta Italia che organizzano meeting, workshop e conferenze in una location che unisce il fascino storico della struttura con la funzionalità tecnologica delle sale.
Inoltre presso il Museo Mille Miglia è conservato l’Archivio Storico della corsa, che custodisce circa centotrentamila documenti (schede d’iscrizione, articoli di giornale e corrispondenza) di Renzo Castagneto e il suo staff. Tutti i documenti sono stati scansionati e informatizzati e sono ora fruibili in formato digitale grazie ad un motore di ricerca. La consultazione dell’Archivio Storico è aperta a ricercatori, professionisti e appassionati.
Il Museo Mille Miglia ha avuto negli ultimi anni un’importante crescita in tutti i settori e ha assunto sempre maggiore visibilità sia a livello nazionale che internazionale.

Continua

Nell’antico complesso monastico di Sant’Eufemia, la famosa corsa automobilistica viene presentata attraverso una ricca collezione di auto d’epoca. La collocazione del Museo in questo sito di grande valenza storica è del tutto differente da tutti gli altri musei di automobili: il Museo Mille Miglia custodisce una storia, narra il racconto di un mito e, giorno dopo giorno, da viva testimonianza di un periodo del nostro passato.
Le auto sfilano nello spazio espositivo avvolte da allestimenti e scenografie che richiamano, agli occhi dello spettatore, i vari periodi ed epoche storiche toccati dalla corsa.


Il Museo non doveva solo essere un archivio, ma doveva ricostruire un evento sportivo culturale e insieme la storia dell’Italia intera. Grazie all’impegno di collezionisti privati e alla collaborazione con altri musei di auto storiche tra cui il Mercedes-Benz Museum con il quale è stato firmato un accordo di collaborazione, il Museo Mille Miglia ha potuto dotarsi di gioielli su quattro ruote da esporre sul percorso museale. Le auto in prestito alla struttura, sfilano nello spazio espositivo avvolte da allestimenti e scenografie che richiamano, agli occhi dello spettatore, i vari periodi ed epoche storiche toccati dalla corsa.
Oltre all’esposizione il museo offre anche altri servizi, tutti gestiti direttamente dall’Associazione, quali l’affitto di sale per meeting e il servizio di ristorazione con la “Taverna Mille Miglia”; molte sono le aziende sia bresciane che provenienti da tutta Italia che organizzano meeting, workshop e conferenze in una location che unisce il fascino storico della struttura con la funzionalità tecnologica delle sale.
Inoltre presso il Museo Mille Miglia è conservato l’Archivio Storico della corsa, che custodisce circa centotrentamila documenti (schede d’iscrizione, articoli di giornale e corrispondenza) di Renzo Castagneto e il suo staff. Tutti i documenti sono stati scansionati e informatizzati e sono ora fruibili in formato digitale grazie ad un motore di ricerca. La consultazione dell’Archivio Storico è aperta a ricercatori, professionisti e appassionati.
Il Museo Mille Miglia ha avuto negli ultimi anni un’importante crescita in tutti i settori e ha assunto sempre maggiore visibilità sia a livello nazionale che internazionale.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017