Brescia

Descrizione

Colonia romana, ducato longobardo, libero comune, città di Venezia e “Leonessa” nel Risorgimento, Brescia è stata protagonista di numerosi periodi storici, ancora ben leggibili nei suoi monumenti simbolo.

Il Tempio Capitolino, l’area archeologica romana e il complesso di San Salvatore-Santa Giulia, beni UNESCO, il Broletto, la Rotonda, il Castello, la Loggia e le altre bellissime chiese del centro vi danno il benvenuto. La vostra visita può iniziare dal complesso di San Salvatore-Santa Giulia: in questo sito straordinario, 14.000 mq di esposizione permanente e importanti mostre temporanee offrono raccolte d’arte di grande pregio.


Brescia si estende fra il limite collinare delle Prealpi e la Pianura Padana. Abitata fin dall'Età del Bronzo dai Liguri, poi dagli Etruschi e, verso la fine del VII secolo a.C., dai Celti, nel 27 a.C. Brixia conquistò il titolo di colonia romana.
Al declino dell'impero divenne capitale di un ducato longobardo (VII sec. d. C.) con re Desiderio che fondò il Monastero di San Salvatore (oggi di Santa Giulia). Intorno all'anno 1000, Brescia divenne libero Comune e partecipò alla battaglia di Legnano contro Federico Barbarossa. 
Dopo il '200 la città fu contesa fra Milano e Venezia. Nel 1438 i milanesi assediarono la città e, secondo la tradizione, l'apparizione dei Santi patroni Faustino e Giovita mise in fuga i soldati nemici.
Nel 1512 anche le truppe francesi di Gastone di Foix assediarono Brescia.
Seguì un lungo periodo di pace durante il quale la dominazione veneta favorì lo sviluppo delle attività agricole e artigianali. Alla fine del XVIII secolo le truppe francesi, guidate da Napoleone, posero fine alla dominazione della Repubblica Serenissima.
Brescia fece parte della Repubblica Cisalpina e del Regno d'Italia. Alla caduta di Napoleone la città entrò nei domini asburgici del Lombardo-Veneto e, nel periodo risorgimentale durante le Dieci Giornate del 1849, insorse contro gli austriaci conquistandosi l'appellativo di Leonessa d'Italia.
Tra i suoi cittadini più illustri è da ricordare Giovanni Battista Montini divenuto Papa Paolo VI al
quale è stata dedicata la piazza del Duomo.

Continua

Colonia romana, ducato longobardo, libero comune, città di Venezia e “Leonessa” nel Risorgimento, Brescia è stata protagonista di numerosi periodi storici, ancora ben leggibili nei suoi monumenti simbolo.

Il Tempio Capitolino, l’area archeologica romana e il complesso di San Salvatore-Santa Giulia, beni UNESCO, il Broletto, la Rotonda, il Castello, la Loggia e le altre bellissime chiese del centro vi danno il benvenuto. La vostra visita può iniziare dal complesso di San Salvatore-Santa Giulia: in questo sito straordinario, 14.000 mq di esposizione permanente e importanti mostre temporanee offrono raccolte d’arte di grande pregio.


Brescia si estende fra il limite collinare delle Prealpi e la Pianura Padana. Abitata fin dall'Età del Bronzo dai Liguri, poi dagli Etruschi e, verso la fine del VII secolo a.C., dai Celti, nel 27 a.C. Brixia conquistò il titolo di colonia romana.
Al declino dell'impero divenne capitale di un ducato longobardo (VII sec. d. C.) con re Desiderio che fondò il Monastero di San Salvatore (oggi di Santa Giulia). Intorno all'anno 1000, Brescia divenne libero Comune e partecipò alla battaglia di Legnano contro Federico Barbarossa. 
Dopo il '200 la città fu contesa fra Milano e Venezia. Nel 1438 i milanesi assediarono la città e, secondo la tradizione, l'apparizione dei Santi patroni Faustino e Giovita mise in fuga i soldati nemici.
Nel 1512 anche le truppe francesi di Gastone di Foix assediarono Brescia.
Seguì un lungo periodo di pace durante il quale la dominazione veneta favorì lo sviluppo delle attività agricole e artigianali. Alla fine del XVIII secolo le truppe francesi, guidate da Napoleone, posero fine alla dominazione della Repubblica Serenissima.
Brescia fece parte della Repubblica Cisalpina e del Regno d'Italia. Alla caduta di Napoleone la città entrò nei domini asburgici del Lombardo-Veneto e, nel periodo risorgimentale durante le Dieci Giornate del 1849, insorse contro gli austriaci conquistandosi l'appellativo di Leonessa d'Italia.
Tra i suoi cittadini più illustri è da ricordare Giovanni Battista Montini divenuto Papa Paolo VI al
quale è stata dedicata la piazza del Duomo.

East Lombardy è regione europea
della gastronomia 2017

I nostri partner